INFORMAZIONI RIGUARDANTI L’ACCERTAMENTO DELLA CONDIZIONE DI NON AUTOSUFFICIENZA

Come prepararsi alla visita domiciliare?

Illustrate al perito del Servizio medico quali sono le limitazioni e i problemi quotidiani che dovete affrontare
a livello assistenziale. In questo modo il perito potrà farsi un quadro completo della Vostra situazione assistenziale

  • Preparate per i periti le relazioni del medico curante,degli specialisti o le schede di dimissione ospedaliera.
  • Tenete sotto mano i medicinali che assumete attualmente.
  • Tenete se possibile per una o due settimane un diario assistenziale. In esso potrete indicare quali attività svolgete quotidianamente e per quanto tempo.
  • Quando i responsabili dei servizi assistenziali vengono da Voi, tenete pronta anche la documentazione assistenziale.
  • Chiedete ad una persona che Vi assiste o che conosce bene la Vostra situazione di essere presente al momento della visita domiciliare.
  • Se avete ricevuto un questionario di MDK o di un’altra cassa per l’assistenza continuativa, compilatelo prima della visita.
  • Se disponete di un tutore legale, informatelo della visita domiciliare.

Avete presentato domanda alla vostra cassa per l’assistenza continuativa al fi ne di ricevere delle prestazioni da parte dell’assicurazione per l’assistenza continuativa. Per questo la cassa per l’assistenza continuativa del Servizio medico dell‘assicurazione malattia (MDK) ha incaricato un perito di eff ettuare un accertamento. Il MDK è il servizio di consulenza e di valutazione indipendente che sostiene la cassa di assicurazione malattia e la cassa per l’assistenza continuativa in questioni mediche e infermieristiche.

Dove si terrà la valutazione?

Où se déroule l’expertise ?

Per l’accertamento verrà da Voi, a casa o in casa di riposo
o di cura, un perito del Servizio medico dell’assicurazione
malattia (MDK). Il Servizio medico dell’assicurazione malattia
(MDK) Vi contatterà telefonicamente o per iscritto
per proporvi una data possibile per l’appuntamento. I
periti stabiliscono e verifi cano se la Vostra situazione sia
ad es. risolvibile con una riabilitazione medica.

Come si svolge un accertamento?

I periti MDK sono operatori del settore assistenza formati
ad hoc oppure medici. Vengono da Voi per capire quale
sia la Vostra situazione assistenziale. Illustrate quindi al
perito, quali sono le limitazioni e i problemi quotidiani
che dovete aff rontare nell’assistenza. Chiedete ad una persona
di fi ducia di essere presente durante l’accertamento.
In questo modo il perito potrà farsi un quadro completo
della Vostra situazione. La visita domiciliare può durare
fi no ad un’ora.

Quando si eff ettua un accertamento su soggetti che presentano demenza, a cosa bisogna prestare particolare attenzione?

Durante la visita domiciliare il perito si rivolge prima alla
persona bisognosa di assistenza, anche nel caso in cui le
informazioni che darà non siano affi dabili a causa della
demenza. Tali informazioni non verranno però registrate
dal perito senza prima essere state verifi cate; saranno
infatti discusse con i familiari presenti.

Cosa accade dopo l’accertamento?

Il Servizio medico riassume quanto emerso dalla visita
domiciliare in una perizia. La cassa per l’assistenza
continuativa decide in quale livello di assistenza sarete
inseriti e Vi invierà informazioni a riguardo. Riceverete
la comunicazione sul livello di assistenza unitamente alla
raccomandazione per la riabilitazione. Una riabilitazione
può aiutare a gestire la Vostra vita quotidiana. Su richiesta
la cassa per l’assistenza continua Vi manderà anche
una copia della perizia eff ettuata da MDK.

Cosa accade se non siete d’accordo con la decisione della cassa per l’assistenza continuativa?

Nel caso in cui ci siano obiezioni relative al livello di
assistenza in cui siete stati inseriti, potete presentare
un’opposizione alla cassa per l’assistenza continuativa
entro un mese dal ricevimento del documento indicante
la decisione.

BUONO A SAPERSI

I periti stabiliscono il livello di assistenza a seconda del grado di aiuto necessario per svolgere le attività di
seguito descritte, legate alla cura del corpo e all’economia domestica, e stabilite per legge. Il livello di assistenza non è legato quindi alla gravità della malattia.

ASSISTENZA DI BASE
Cura del corpo: lavarsi, farsi la doccia, fare il bagno, pettinarsi, igiene orale, radersi, svuotamento della
vescica ed evacuazione Alimentazione: preparazione degli alimenti in modoche questi possano essere ingeriti

Mobilità: alzarsi e andare a letto, stendersi, vestirsi e svestirsi, camminare, stare in piedi, salire le scale,
lasciare la casa e tornarvici

ECONOMIA DOMESTICA
Fare la spesa, cucinare, pulire la casa, lavare i piatti, cambiare e lavare biancheria e vestiti, riscaldare

LIVELLI DI ASSISTENZA

A seconda del livello di assistenza cambiano anche le prestazioni fornite dall’assicurazione per l’assistenza
continuativa. Il livello di assistenza di coloro che hanno bisogno di cure dipende dall’entità dell’aiuto  necessario. A tale riguardo distinguiamo tra assistenza di base (igiene personale, alimentazione e mobilità) e prestazioni per l’economia domestica.

Livello di assistenza I:
persone con notevole necessità di assistenza Quando è necessaria l’assistenza per almeno 90 minuti al giorno, di cui più di 45 per l’assistenza di base. Condizione essenziale è che tale assistenza sia indispensabile almeno una volta al giorno. Inoltre devono essere indispensabili più volte alla settimana prestazioni per l’economia domestica.

Livello di assistenza II:
persone con forte necessità di assistenza Quando, in media, è necessaria l’assistenza per almeno tre ore al giorno, di cui almeno due dedicate all’assistenza di base. Condizione essenziale è che tale assistenza sia indispensabile almeno tre volte al giorno. Inoltre devono essere indispensabili più volte alla settimana prestazioni per l’economia domestica.

Livello di assistenza III:
persone con estrema necessità di assistenza Quando l’assistenza può essere necessaria sempre e quindi anche di notte. Con in media un’assistenza necessaria per almeno cinque ore al giorno, di cui almeno quattro dedicate all’assistenza di base. Inoltre devono essere indispensabili più volte alla settimana prestazioni per l’economia domestica. Prestazioni assistenziali in caso di demenza Indipendentemente dal livello di assistenza, il servizio medico dell’assicurazione malattia, soprattutto nei casi di demenza, verifi ca se, oltre all’assistenza, sia necessario un ulteriore aiuto per l’economia domestica. Nel caso in cui questo aiuto risultasse necessario, potrete ricevere delle prestazioni aggiuntive da parte dell’assicurazione per l’assistenza continuativa. Informazioni riguardanti l’accertamento della condizione di non autosuffi cienza